Posts

2Pac – Thug Life

Benvenuti al nostro ormai consueto appuntamento del lunedi: Kato’s Gems #5. Nel 1994 2Pac (R.I.P.) mise insieme un gruppo di amici e collaboratori fidati (Big Syke, il fratello Mopreme, Macadoshis e Rated R) e partorì “Thug Life Volume 1”, il primo e purtroppo unico disco di questa formazione. Qui c’è il 2Pac più conscious, il rivoluzionario che voleva cambiare le cose, distante da quello che conquisterà il mondo assieme alla Death Row Records. I temi trattati sono importanti, con un tono da denuncia delle difficili condizioni di vita nel ghetto, le atmosfere a tratti cupe, molto soul e abbastanza distanti dal G Funk più in voga, con produzioni di Easy Mo Bee, Stretch, Johnny J, Big Syke e Warren G. A quel punto Pac era già una personalità di spicco del mondo del rap e del cinema. Aveva fatto tre dischi importanti e aveva recitato in film di rilievo come Poetic Justice. Big Syke confessò che quando venne assassinato, nel 1996, aveva già in mente di sfruttare l’enorme popolarità acquisita con la Death Row e fare uscire il Volume 2 di Thug Life per la sua etichetta, la Makaveli Records. Le mie tracce preferite sono “Pour out a little liquor” e “How long will they mourn me” prodotta da Warren G e con un sempre eccezionale Nate Dogg (R.I.P.)

Wes Montgomery – Movin

Il secondo disco del giorno è “Movin’ Along” di Wes Montgomery, uscito nel 1960. Questa è una gemma abbastanza nascosta nel catalogo di Montgomery, che qui si fa accompagnare da James Clay al flauto, Victor Feldman al piano, Sam Jones al basso e Louis Hayes alla batteria. Quattro standard e due originali per questa chicca che restituisce intatta la magia di uno dei più grandi chitarristi della storia del jazz.

Gentle Giant – Free Hand

A volte i dischi hanno bisogno di qualche ascolto in più per essere capiti a fondo.
Con “Free Hand” dei Gentle Giant mi è successo esattamente questo. La prima volta che ha girato sul piatto mi è sembrato confusionario, quasi pretenzioso.
Ovviamente non ci avevo capito niente.
Kerry Minnear nel 1975 è all’apice del suo genio e spinge sull’acceleratore della sua perfetta macchina musicale.
Cambi di tempo, melodie incredibili che intrecciano rock progressive, jazz, folk e soul in maniera impeccabile, con echi medievali e lo xilofono a punteggiare cotanta bellezza.
Non stupisce che il Banco del Mutuo Soccorso e la Premiata Forneria Marconi li considerassero maestri e ne furono profondamente influenzati.

2Pac – Thug Life

Welcome to our now usual Monday appointment: Kato’s Gems # 5. In 1994 2Pac (R.I.P.) put together a group of trusted friends and collaborators (Big Syke, brother Mopreme, Macadoshis and Rated R) and gave birth to “Thug Life Volume 1”, the first and unfortunately only album of this formation. Here is the most conscious 2Pac, the revolutionary who wanted to change things, far from the one who will conquer the world together with Death Row Records. The topics covered are important, with a tone to denounce the difficult living conditions in the ghetto, the atmospheres at times gloomy, very soulful and quite distant from the most popular G Funk, with productions of Easy Mo Bee, Stretch, Johnny J, Big Syke and Warren G. At that point, Pac was already a leading figure in the world of rap and cinema. He had made three major records and starred in such prominent films as Poetic Justice. Big Syke confessed that when he was assassinated in 1996, he already had plans to take advantage of the huge popularity gained with Death Row and release Thug Life Volume 2 for his label, Makaveli Records. My favorite tracks are “Pour out a little liquor” and “How long will they mourn me” produced by Warren G and with an always exceptional Nate Dogg (R.I.P.)

Wes Montgomery – Movin

The second album of the day is Wes Montgomery’s “Movin ‘Along”, released in 1960. This is a fairly hidden gem in the Montgomery catalog, which is accompanied by James Clay on the flute, Victor Feldman on the piano, Sam Jones on the bass and Louis Hayes on the drums. Four standards and two originals for this gem that returns the magic of one of the greatest guitarists in the history of jazz intact.

Gentle Giant – Free Hand

Sometimes discs need a little more listening to be fully understood. With Gentle Giant’s “Free Hand” this exactly was happened to me. The first time he shot on the plate it seemed confusing, almost pretentious. Obviously I didn’t understand anything. Kerry Minnear in 1975 is at the height of his genius and pushes on the accelerator of his perfect musical machine. Time changes, incredible melodies that intertwine progressive rock, jazz, folk and soul & nbsp; in an impeccable way, with medieval echoes and the xylophone to punctuate such beauty. It isn’t surprising that the Banco del Mutuo Soccorso and the Premiata Forneria Marconi considered them masters, and were deeply influenced by them.