Posts

Masta Ace Incorporated

Il disco del giorno è “Slaughtahouse”, primo album uscito a nome Masta Ace Incorporated, nel 1993. Masta Ace, leggendario M.C. della Juice Crew, è uno dei migliori scrittori nella storia del rap, ancora oggi in attività ed in piena forma. Qui era all’apice della sua forma ed insieme a Lord Digga, Ice U Rock e la bravissima Paula Perry, formò un gruppo di lavoro irripetibile, che lo portò a partorire uno dei dischi migliori di quella stagione d’oro del rap. Cupo e underground come New York imponeva, ma al tempo stesso originale in ogni aspetto, dal flow alla produzione. Ogni beat è un mattone. Ogni cantato è perfetto. Ogni rima è da studiare al rallentatore, aggressività e liricismo fusi all’ennesima potenza.

Esther Phillips – All About

Uscito nel 1978. Questo è per me il disco che chiude la stagione d’oro di Esther Phillips, una delle voci più incredibili e originali di sempre. Tra il 1971 ed il 1978, fu super produttiva e ispirata, sfornando anche più di un disco l’anno. Pescate a caso un disco di questa incredibile e tormentata cantante soul e vi ritrovate, senza ombra di dubbio tra le mani un capolavoro. Questo, assieme ad “Alone Again” è il mio album preferito, con musicisti eccezionali (alla batteria c’è Harvey Mason). Melodie strazianti, riff funk ad alleggerire il soul e il blues che pervade tutta la sua musica. La traccia regina del disco è per me “There You Go Again” stilosissima, con un lungo intro parlato.

Elvin Jones

Un disco interessante per te, beatmeker, “Brother John” di Elvin Jones, uscito nel 1982.
Non solo un musicista jazz, ma uno dei più grandi batteristi della storia della musica in generale, che ha influenzato tantissimi artisti e ha messo il suo marchio su alcuni grandi capolavori.
Negli anni sessanta fu membro del John Coltrane Quartet, ed è sua la batteria su “A Love Supreme”.
In questo disco assembla una formidabile sezione ritmica assieme al bassista Reggie Workman, ed è aiutato dal pianista Kenny Kirkland e da Pat LaBarbera al sax.
Proprio quest’ultimo è l’altro grande protagonista dell’album apparendo in perfetta forma, con uno stile influenzato da Coltrane ma non derivativo.
Ovviamente ci sono tanti assoli di batteria interessanti per un disco che rivela ancora una volta tutta la grandezza di Elvin Jones.

Masta Ace Incorporated

The record of the day is “Slaughtahouse”, the first album released under the name Masta Ace Incorporated, in 1993. Masta Ace, legendary M.C. Juice Crew, is one of the best writers in the history of rap, still active and in good shape today. Here he was at the peak of his form and together with Lord Digga, Ice U Rock and the talented Paula Perry, he formed an unrepeatable working group, which led him to give birth to one of the best records of that golden age of rap. Gloomy and underground as New York imposed, but at the same time original in every aspect, from flow to production. Every beat is a brick. Every song is perfect. Each rhyme is to be studied in slow motion, aggressiveness and lyricism merged to the nth degree.

Esther Phillips – All About

Released in 1978. This is for me the record that closes the golden season of Esther Phillips, one of the most incredible and original voices ever. Between 1971 and 1978, she was super productive and inspired, churning out even more than one record a year. Randomly catch a disc of this incredible and tormented soul singer and find yourself, without a shadow of a doubt, in your hands a masterpiece. This, together with “Alone Again” is my favorite album, with exceptional musicians (Harvey Mason is on drums). Heartbreaking melodies, funk riffs to lighten the soul and blues that pervades all his music. The queen track of the album is for me “There You Go Again” very stylish, with a long spoken intro.

Elvin Jones

An interesting record for you beatmeker is Elvin Jones’ “Brother John”, released in 1982. Not just a jazz musician, but one of the greatest drummers in the history of music in general, who has influenced many artists and has put his mark on some great masterpieces. In the sixties he was a member of the John Coltrane Quartet, and he is the drummer on “A Love Supreme”. In this album he assembles a formidable rhythmic section together with the bassist Reggie Workman, and is helped by the pianist Kenny Kirkland and by Pat LaBarbera on the sax. Just the latter is the other great protagonist of the album appearing in perfect shape, with a style influenced by Coltrane but not derivative. Obviously there are so many interesting drum solos for a record that once again reveals all the greatness of Elvin Jones.